In questi primi mesi primaverili i lavori dell’apicoltore sono impegnativi. Le api iniziano a produrre il miele e vanno seguite con cura nel loro sviluppo. In genere a fine maggio si può sperare in una prima smielatura, che per quanto mi riguarda sarà di miele d’acacia.

In attesa di parlarvi, più avanti nella stagione, della produzione e delle caratteristiche del miele, vorrei proporre una riflessione sull’importanza dell’attività didattica che intendo svolgere durante l’estate.

Parallelamente all’attività prioritaria dell’azienda agricola, ho deciso di sviluppare un progetto di fattoria didattica incentrato sulle api e sul loro meraviglioso lavoro.

Per prima cosa ho partecipato al corso formativo tenuto a Torino dalla Coldiretti, nel frattempo ho iniziato a programmare una serie di attività con l’obiettivo di far conoscere in maniera intelligente il mondo delle api e la loro importanza per la salvaguardia della biodiversità. Per ora il pubblico su cui mi sono concentrato sono i bambini delle scuole materne ed elementari, ma presto realizzerò dei percorsi adatti anche alle persone diversamente abili e anziane.

Lavorare come fattoria didattica è una straordinaria opportunità. A tutti gli effetti è la creazione di un laboratorio naturale per diffondere la conoscenza delle attività agricole, del ciclo degli alimenti, della vita animale e vegetale, del mestiere e del ruolo sociale dell’agricoltore.

L’esperienza in fattoria, è caratterizzata da un forte coinvolgimento emotivo, corporeo ed esperienziale, e favorisce una maggiore consapevolezza del valore culturale ed economico del settore agricolo. Essa inoltre, in quanto luogo di pedagogia attiva, propone una serie di attività formative che si ispirano a una visione pratica dell’apprendimento, basato sull’osservazione e la scoperta.

Il percorso nel mio caso partirà con incontri propedeutici coi bambini e gli educatori, per fornire loro una serie di informazioni utili e per sensibilizzarli sull’argomento. Successivamente sarà possibile, attraverso la visita al laboratorio di smielatura e all’apiario didattico, un’immersione nel reale mondo delle api. Ai bambini saranno spiegati i diversi ruoli all’interno della complessa e laboriosa comunità delle api. Osservando l’organizzazione dell’alveare, formato da elementi in apparenza tutti uguali ma dove di fatto ciascuno fornisce un proprio particolare contributo al bene comune, i bambini potranno riflettere sul loro ruolo all’interno della classe e magari anche oltre.

L’esperienza sul territorio aiuterà inoltre i ragazzi a comprendere l’importanza della biodiversità in natura e li stimolerà ad assumere comportamenti all’insegna del rispetto dell’ambiente e dell’agricoltura.

Insomma direi che si tratta di un’avventura potenzialmente ispiratrice e propositiva che ambisce a seminare cambiamenti, magari piccoli ma non per questo meno nobili, in una società sempre più spaesata e in affanno.

 

api e fiori

Api e Didattica